Visualizzazioni totali

lunedì 28 novembre 2011

Amato lavoro

Il mio lavoro sta subendo una curva involutiva che non si arresterà fino a quando non morirà la qualità.
Rispetto all'anno 2000, percepisco emolumenti nettamente inferiori. Direi anche rispetto al 2001, insomma il biennio in cui esplosero le tendenze delle professioni legate all'IT/TLC, sistemi, reti et similia.
L'ultimo contratto in lire, scadutomi il 31 dicembre 2001 era di 380 mila lire al giorno + I.V.A., oggi in alcuni casi fortunatissimi (situazione in cui mi tocca fare un mezzo pianto greco) riesco a strappare 250 euro al giorno, ma sono davvero casi rari, più unici. Di norma un Senior di livello "expert", quindi ben oltre i 10 anni di esperienza, percepisce tra i 180 ed i 200 € al giorno + I.V.A.
Ok, alcuni ora staranno inveendo contro di me e magari contro la categoria, ma posso assicurare che sono davvero pochini; in primis perchè se ci mettete l'INPS al 26,72% + l'irpef tra il 38% e il 41% ecco che quei 200 euro al giorno diventano poco piu' di 85 euro al giorno, considerando inoltre che non ci sono grosse cifre da portare in deduzione; prima di tutto perchè le voci considerate deducibili sono poche e per cufre ridicole; secondo perchè la maggior parte delle voci invece detraibili, riguardano percentuali infime quanto il netto giornaliero che rimane tra le mani del povero professionista IT.
Qualificarsi per diventare professionisti IT appetibili costa tanti soldi; una certificazione degna di questo nome, con una preparazione degna costa mediamente tra i 3000 ed i 5000 euro, poi c'è il fatto che la certificazione da sola serve a poco, quindi dev'essere il corredo di un'esperienza fatta sul campo; indi l'esperienza, per essere tale, non permette di seguire alcuni corsi che richiedono la presenza in aula, ecco quindi che devi ripiegare sullo split delle sessioni e quindi i costi lievitano incredibilmente. Vi assicuro che le voci deducibili riguardo le spese sostenute per l'aggiornamento delle competenze sono ridicole, al punto che viene voglia di mandare a cagare gli aggiornamenti come lo Stato, ma si sa...senza le prime non avresti mercato, senza il secondo non avresti vita. Poi ripensi agli statali che hai incontrato durante la tua lunga carriera e ai loro 2/3000 euro al mese di stipendio (a spese di noi contribuenti) e al fatto che sono perfino intoccabili...e allora ti viene davvero voglia di imbottirti di tritolo e di far saltare in aria tutti gli uffici pubblici.
Amo questo bel paese delle contraddizioni...

domenica 27 novembre 2011

Paese di furbetti

In questi giorni seguo con vivo interesse la vicenda Finmeccanica, e non perchè come cittadino mi sento indignato (anche quello per carità) ma per un motivo che mi riguarda da vicino.
Tempo fa ho svolto le mie consulenze, e per un periodo abbastanza lungo, per una società che orbitava nell'area Finmeccanica. In realtà io ero una risorsa di una piccola ed insignificante società che presenziava presso l'Ente in quarta battuta, rispetto al Main Contractor. Comunque...
Dicevo, ho svolto queste mie consulenze presso un Ente pubblico, forse il più potente e nel contempo anche il più marcio. In questo ente, un infimo impiegatucolo di quarto livello, grazie alla sua amicizia con il "gran capo", era il decisionista del bello e del cattivo tempo, e grazie a questo ruolo, era anche il collettore di un giro di mazzette da far paura ai mariuoli della prima repubblica. Questo impiegatucolo, percepiva, per ogni risorsa presente dal cliente, un gettone. Poniamo il caso che l'infimo in questione percepisse uno stipendio di 1600 euro; il mio gruppo era inizialmente composto di 7 + 2 persone, indi 9 risorse. Poniamo il caso che per ogni risorsa presente, visto che il cliente pagava piu' o meno (a quello che mi dissero...) circa 10 mila euro al giorno per tutti quanti, l'impiegatucolo percepiva di "gettone" 100 euro, costui si portava a casa 900 euro in più ogni giorno, che moltiplicato per 20 giorni (anche se in realtà c'erano i colleghi del turno notturno che aumentavano il budget in gioco) faceva in totale... un fottio di soldi, davvero tanti.
Ovvio, come lui, in ogni ente pubblico c'è un impiegatucolo di livello infimo o poco superiore, che percepisce regali e regalini...il brutto è che questo genere di inchieste non giungono mai ai livelli piu' bassi della piramide di marciume, si fermano solo ai papaveri alti, perchè sono quelli che fanno notizia.
Mentre se qualche magistrato si incaponisse e volesse scendere fino all'ultima delle gare d'appalto, scoprirebbe un sottosistema di tangenti, regali, favori e clientele che farebbe accapponare la pelle anche al più coriaceo e "navigato" dei tangentisti stile Bettino Craxi.
Bell'Italia, Bel Paese...

sabato 26 novembre 2011

Le eredità nascoste

L'Italia è una Repubblica fondata sul lavoro...
Ma lo è mai stata davvero una repubblica fondata sul lavoro ? Se sento mio padre...prima c'erano i furbetti, c'erano gli sgobboni, c'erano i guappi del quartiere...insomma, avevano nomi diversi ma non era poi tanto diverso.
L'Italia è una Repubblica fondata sulle corporazioni...
Effettivamente le corporazioni in italia ci sono. Gli avvocati scioperano per la liberalizzazione della Professione (l'unica cosa, forse, sensata che farà questo governo di tecnocrati servi dei poteri forti...), i Notai che non si toccano (siamo l'unica nazione al mondo che ha questa assurda figura mangiasoldi...)...e ce ne sarebbe da dire.
L'Italia è una Repubblica fondata sulle tangenti...
Le tangenti sono l'anima del PIL, almeno lo erano negli anni 80, prima dello scoppio di Tangentopoli. Ma lo sono state anche dopo Tangentopoli, anche se invece che tangenti, si facevano chiamare "consulenze", ma alla fine, grazie a loro.. il PIL cresceva, le aziende lavoravano, i dipendenti percepivano lo stipendio etc. etc....
Finmeccanica, la nuova Enimont, faceva (anzi, fa tutt'ora) la tasca dei partiti, per i Cirino Pomicino che non ci sono più, ci sono i Casini, i Follini...per i Greganti che ci hanno lasciato, ci sono i vari Milanese e dintorni, insomma... "solo altri mariuoli..." come avrebbe detto quel figlio di una non nota professionista del sesso a pagamento di Bettino Craxi, uno che di mariuoli se ne intendeva (perchè oltre che dirigerli, all'interno del suo partito, li formava alle sue dipendenze...)
L'Italia è una Non-Repubblica fondata sulle relazioni e sulle conoscenze...
Ecco, questa definizione calza di piu'. In Italia "conoscere" conta molto, ti apre le porte del lavoro, ti apre le porte del potere (qualche volta), qui le relazioni contano più delle ore di straordinario che ti spari tutti i giorni che quell'altro Hippy Capellone del buon Dio manda su questa terra.
Ho letto un titolo da qualche parte "C'è la crisi ? La Russa compra 19 Maserati..." posso affiancare l'invito del buon Enzo Iacchetti ? La Russa..Ma vaffanculo va.
Mario Monti Presidente del Consiglio dei Ministri. Un ex uomo Goldman Sachs, la società di canaglie che ha dato il via a questa megacrisi senza precedenti, la società che ha prodotto i titoli tossici che oggi fanno marcire le economie mondiali dall'interno... lo facciamo Presidente del Consiglio ? Mario Monti...Ma vaffanculo tu e la Bocconi, quella roccaforte di paraculati che si laureano solo grazie alla retta pagata dalle loro famiglie facoltose.
Corrado Passera Ministro dello Sviluppo Economico ???? Ma come, questo è quello che ha foraggiato le canagliate di Berlusconi e soci, è quello che alle poste ha creato fondi neri, conti esteri, elusioni fiscali e chi più ne ha più ne metta...e voi lo fate Ministro dello Sviluppo Economico ? Mario Monti...ma vattene affanculo tu e quel delinquente disgraziato di Corrado Passera.