Visualizzazioni totali

domenica 4 dicembre 2011

Come si combatte il sistema.

Peccato non essere un influente giornalista, perchè sì che ci sarebbe da ridere, considerando le migliaia di potenziali lettori che potrebbero attingere ai miei suggerimenti che vado ad elencare.
Dunque, oltre alla provocazione pura che c'è dietro il titolo di questo post, c'è anche del sano e civile protestare; protestare nei confronti dell'ennesimo sopruso da parte della casta, pur non appartenendo io alla fortunata fetta di popolazione che guadagna oltre i 75000 euro, vi è però un comune senso di appartenenza alla medesima classe di martiri: il popolo "sovrano". Aumentano l'IRPEF, oltre alla quota INPS per alcune categorie (metà della quale, sembra di capire, sarà destinata alle casse del fisco), aumentano le entrate ma non diminuiscono le uscite, ovvero gli sprechi di questa italietta piena di "fortunati" appartenenti a quelle che oggi sembrano essere "categorie protette".
Non diminuiranno i parlamentari; ogni anno un parlamentare costa allo stato circa 232.000 euro, quindi moltiplicando (facciamo finta che sia una media, anche se in realtà i soli senatori costano molto di più) per il numero di parlamentari italiani (da Costituzione - 630 deputati; 315 senatori oltre ci sono i senatori a vita, 4 per meriti che meriti poi...e 3 ex presidenti, ma uno è deceduto, grazie a Dio, sostituito da Monti stesso, speriamo che passi a miglior vita molto presto anche lui con tutti gli altri) fa un totale di 220.864.000 euro circa.
Dunque, i cittadini devono fare grossi sacrifici ma questi 1000 (circa) pezzi di merda non devono farne, non rinunceranno ai vitalizi da ex, non rinunceranno ai loro faraonici stipendi, non rinunceranno a tutti i benefit a cui accedono grazie alle loro cariche, tra l'altro non concesse dai cittadini ma dalle segreterie di partito. Aggiungiamoci poi circa 250.000 euro annuali per il Presidente del Consiglio dei Ministri, che percepisce gia lo stipendio come Presidente della Bocconi, come docente della Bocconi, come Consulente di alcune importanti banche d'affari mondiali. Vogliamo metterci quel maledetto vecchio bavoso comunista del Presidente della Repubblica ed i suoi 250 dipendenti di Palazzo ? E i sottosegretari ? Non sono politici, vengono nominati tra le fila degli amici dei ministri di turno, come i Capi dei vari Dipartimenti della Pubblica Amministrazione;
Dunque, come ti combatto il sistema ?
Allora, fatto presente che sempre più persone come me si sono convinti che l'unico modo per equiparare il carico fiscale su TUTTI i cittadini, ivi compresi i bastardi privilegiati  politici, tecnici, ricchi e potenti, sia l'aumento dell'IVA e la diminuzione del carico fiscale sotto forma di IRPEF e IRAP (ma ovviamente si sentirebbero tutti troppo uguali, quindi neanche a parlarne), come si combatte questo benedetto sistema ? Rinunciando a quello che ci rende schiavi del sistema stesso.
1) Consumi; Rinunciare ai consumi non significa non comprare più nulla, significa comprare solo quello che realmente serve. La spesa dev'essere composta da quello che si mangia, non da quello cui si potrebbe rinunciare, i cioccolatini ai figli, i dolcetti, sono doveri e coccole, non sono  sprechi. Sprechi sono i cibi "di lusso", pesci pregiati, carni pregiate, dolci di particolare fattura, vini ricercati e costosi, tutto questo ingrassa il sistema e ci rende schiavi;
2) Lavorare in nero; E ora qui si solleva il polverone, ma la proposta è frutto di un pensiero fatto e rifatto più volte anche a più riprese. Lavorare in nero significa non far pagare le tasse alle aziende, significa non pagarne noi stessi e quindi significa affamare il sistema, perchè senza entrate il sistema si attacca al cazzo e cominciano a scemare i benefici per le caste di bastardi (politici, etc.) Volete la tutela per eventuali infortuni ? Fatevi un'assicurazione privata, così giusto quella fettina finirà nelle casse del sistema, ma sono davvero molto molto pochi rispetto  a quello che entra quando è generato da un lavoro regolare. Significherebbe non ingrassare più l'INPS, l'INAIL, il Fisco, i Ministeri, le Istituzioni.
3) Conservare il denaro in casa. Le banche ingrassano ed ingrassano il sistema con i nostri soldi. I soldi vanno tenuti in casa, una cassetta di sicurezza, una piccola cassaforte (costano poco e si installano facilmente), tanto i soldi depositati in banca non fruttano nulla di rilevante, quindi tenendoceli in casa mettiamo in ginocchio le banche, affamiamole. Gustiamoci le facce dei vari Passera, Doris, Profumo quando vedranno che nelle casse delle loro banche i depositi corrisponderanno ad un BEL CAZZO DI NIENTE e di conseguenza i loro superstipendi saranno ridotti all'osso.
4) Essere pragmatici. La nuova manovra prevede l'uso dei contanti a soli 300 euro ? Bene, rinunciamo alle cene che potrebbero superare quella cifra; rinunciamo ad acquistare cianfrusaglie di cui potremmo fare a meno (qui ci agganciamo al punto 1, rinunciare al superfluo). Basta mangiare una pizza in compagnia degli amici piu' cari e della famiglia per passare una bella serata, non per forza andare a cena in ristoranti il cui conto va oltre i 100 euro, così diminuiscono anche le entrate minime che dovrebbero versare i commercianti, e quindi anche qui affamiamo il sistema e lo riduciamo alla canna del gas.
Prima di chiudere il post, io per primo dico:"Un po' troppa confusionaria come proposta", ovvio, è una provocazione oltre che un suggerimento, è carica di rabbia, perchè non cambia nulla, nulla è diverso rispetto a 20 anni fa, ai tempi di tangentopoli, quando sembrava che stesse per cambiare qualcosa. Perfino le facce sono le stesse, i medesimi politici, i medesimi amici degli amici. Ogni santo giorno apriamo i siti dei quotidiani e leggiamo sempre "moderazione", nessun giornalista che condanna; perfino repubblica si è messa al servizio di Monti e dei banchieri... (altra casta di lecchini i giornalisti, di qualsiasi orientamento politico essi siano).
Resta sempre la remota (purtroppo) possibilità di scendere tutti insieme in piazza, armati, incattiviti, vogliosi di vendetta e di violenza, per sterminare questa casta di succhiasangue, ma purtroppo noi non siamo coraggiosi nè violenti, quindi... preferiamo combattere in modo civile (anche quando una delle faziosi ha rinunciato ad essere civile da tempo).
Cordialmente....

Nessun commento:

Posta un commento